Sfogliato da
Autore: Redazione Il Cavedio

DA UNA LACRIMA SUL VISO HO CAPITO TANTE COSE

DA UNA LACRIMA SUL VISO HO CAPITO TANTE COSE

di Alice Mantegazza Un giorno, all’improvviso, ho capito che cos’è l’amore. Non che io non abbia mai provato prima questo sentimento, ma forse non lo ho mai capito appieno come ora. Certo, mi sono innamorata nella mia vita, come tutti. Prima di un giocattolo, di un cantante, magari anche di un’idea, di un’amicizia, di un ragazzino. E oggi ho pure al mio fianco un uomo che amo con tutta me stessa. Ma in questi anni, forse, ho semplicemente vissuto l’amore,…

Leggi tutto Leggi tutto

I MIEI ALBERI

I MIEI ALBERI

Di Luigi Stefanazzi Nelle luminose giornate somale la maestosa Palma, ai miei occhi di bambino, si stagliava gigantesca, mi affascinava, la guardavo da sotto e non ne vedevo la cima per l’imponenza della ramificata chioma. Ci giocavo vicino e cercavo di abbracciarne invano il possente tronco. Sedevo sotto la sua ombra protettrice e, appoggiato al tronco leggevo, fantasticando sul magico volare di Peter Pan e sulle misteriose profondità marine, violate dal capitan Nemo. Ogni anno attendevo la stagione della nidificazione…

Leggi tutto Leggi tutto

MARCO STAVOLTA NON C’È

MARCO STAVOLTA NON C’È

Di Stefano Minari Quel pezzetto di carta dorme appallottolato dentro al cestino da ieri. Il confine fra la felicità e la delusione sta nei pochi centimetri di una strisciolina di cellulosa e non so se buttare tutto nell’immondizia o dichiarare finalmente guerra al me stesso di sempre, timido, bloccato, incapace di fare il primo passo. Dieci cifre scritte su un tovagliolo possono essere la combinazione della cassaforte dove sto rinchiuso, eppure non riesco a decidere se comporle sulla tastiera del…

Leggi tutto Leggi tutto

L’INFINITO

L’INFINITO

L’INFINITO, non è di facile comprensione Una parola che da ragazzo non capivo. Faceva paura, l’Infinito. Era ciò che c’era dopo la morte, mentre io volevo solo vivere la vita. Vivere. Vivere, e non morire.  Poi scoprii che la vita continuava in chi veniva dopo, e allora conveniva essere grandi uomini, generali, presidenti, artisti. Uno scrittore vive sempre, e per questo ancora oggi leggiamo Omero e tutti gli altri. Ecco il significato di Infinito: continuare a vivere negli uomini. E…

Leggi tutto Leggi tutto

LA RATATOUILLE GAZAOUI:

LA RATATOUILLE GAZAOUI:

RACCONTO DI GUERRA AL QUOTIDIANO Di Pierre Ley La guerra, o meglio le guerre, costituiscono per noi oramai un consueto sottofondo nel flusso quotidiano dell’informazione globalizzata, quasi fosse un’interferenza fisiologica alla quale ci siamo in qualche modo assuefatti. Per alcuni di noi, però, la guerra è molto più presente: è entrata nelle nostre vite con prepotenza e con tutto il suo corredo di paura e indicibile orrore. Tutti siamo rimasti scioccati dall’inimmaginabile mostruosità dell’attacco del 7 ottobre scorso e dall’inevitabile,…

Leggi tutto Leggi tutto

DUE ANIME

DUE ANIME

Di Gianmarco Pellattiero Oblast di Kharkiv. Un colpo di obice colpisce una jeep con a bordo quattro giovani militari ucraini. Il caporale Artur è a terra, stordito dalla deflagrazione ma incolume. La scena che si presenta davanti ai soccorritori è drammatica: tre vittime e l’inizio di un incubo per le rispettive famiglie. Inerme su un lettino il sopravvissuto fissa il vuoto. Vicino a lui un altro soldato geme di dolore, il giorno precedente ha subito l’amputazione di una gamba. Roman,…

Leggi tutto Leggi tutto

BELLO E IMPOSSIBILE

BELLO E IMPOSSIBILE

DI Carlo Battaglini Emma era sempre stata una ragazza distratta, ma non avrebbe mai creduto di riuscire a perdere l’amore della sua vita tre giorni dopo averlo trovato; e la canzone che ora usciva dalla radio non faceva che amplificarne la rabbia: “Bello, bello e impossibile, con gli occhi grandi e la tua bocca da baciare…”. Una vera presa per il culo. Emma si tappò le orecchie e maledì se stessa per aver dato retta a Lucia. “Non vorrai telefonargli,…

Leggi tutto Leggi tutto

IL FICO D’INDIA

IL FICO D’INDIA

di Gaetano Lo Castro “Nella misura in cui vi aprite, coglierete i frutti.” (Da un messaggio di Medjugorje) Una volta c’era un fico d’India. Era una giovane cactacea spontanea nata da un semino. Si trovava nel giardino d’una casa di provincia con prospettiva sul mare e sul vulcano. Nell’abitazione ci viveva uno scrittore. Scrittore almeno nella sua intenzione. Perché scriveva un po’ di tutto, ma non riusciva a pubblicare un bel niente. Il suo scrivere non produceva frutti utili. Come…

Leggi tutto Leggi tutto

L’ALBERO CON I FIORI ROSA

L’ALBERO CON I FIORI ROSA

di Alessandro Giulianelli “È permesso?” Arturo spinse la vecchia porta cigolante. La casa era ridotta male, nessuno ci entrava più da anni. L’uomo guardava in giro rammaricato mentre aiutava la signora dell’agenzia immobiliare a superare la soglia. “Non ci torno da quando ho preso il mare come soldato semplice”. “È arrivato molto lontano” constatò lei mentre lui scansava le seggiole. “Forse anche troppo”. La donna lo vedeva giù di morale: “Ha belle memorie di questa casa?”. “Bellissime: ci ho vissuto…

Leggi tutto Leggi tutto